Atene

Atene

Atene, antica capitale culla della democrazia ed il suo simbolo, il Partenone, attirano milioni di visitatori tutto l’anno da tutto il mondo. La collina dove fu costruita l’Acropoli custodisce tesori inestimabili. Il Teatro di Dyoniso, ad esempio, ancora sede di rappresentazioni teatrali e concerti, il Tempio della dea Nike, l’Eretteo, i Propilei, le Cariatidi ed infine il Partenone.

Cosa vedere ad Atene

Il tempio, dedicato alla dea Athena patrona e protettrice della città, offre una vista panoramica unica: abbraccia tutta la città. Dalla collina del Lycabetto al mare, fino alle colline più lontane. Ai piedi dell’Acropoli si rintracciano l’Agorà romana, il Tempio di Efesto, la chiesa dei Santi Apostoli.
Quindi c’è il quartiere di Plaka, il più conosciuto e frequentato della città, ricco non solo di negozi, caffetterie, taverne ma anche di angoli storici come il monumento di Lisicrate e della prima casa abitata di Atene.
A pochi passi, lungo la centralissima via Amalia, troveremo il Tempio di Zeus e l’Arco di Adriano per giungere ai tempi moderni con il Palazzo del Parlamento, affacciato sulla piazza Synthagma.

Molte sono le vie pedonali nel centro città e tra queste, la più frequentata è sicuramente Ermou Steet, con tantissimi negozi comprese le grandi catene come Zara, H&M, Marks & Spencer. Attraversandola tutta, si arriva nei pressi di Monastiraki, l’altra piazza frequentatissima di Atene. Qui spicca la Moschea ed il suo Minareto e vie piene di negozi di tutti i generi.

Musei

Imperdibili i due principali musei: Museo Archeologico Nazionale e Nuovo Museo dell’Acropoli.
Nel Museo Archeologico Nazionale, tra i più grandi ed importanti al mondo, sono conservati più di 11.000 reperti. Potrai ammirare anche capolavori provenienti dai maggiori scavi della Grecia comprese le Isole Cicladi, Santorini e nel Peloponneso, Micene. Da non perdere la Maschera funeraria di Agamennone, in oro. Innumerevoli sono le statue risalenti ai periodi arcaico e classico con maestri come Prassitele e Fidia, un ellenistico e un romano.
Il Nuovo Museo dell’Acropoli, dalla splendida ed innovativa architettura inaugurato nel 2009, conserva tra i suoi tesori le 4 statue originali delle Cariatidi. Le puoi ammirare in ogni più piccolo dettaglio: dalle vesti fino alle acconciature dei capelli.

All’ultimo piano del Museo, è stata ricostruita la pianta centrale del Partenone, a dimensione reale. Questo ti consente di avere una visione d’insieme della grandiosità e della bellezza dei frontoni; delle metope -posizionate tra le colonne- e delle sculture originali (le cui copie sono esposte al British Museum di Londa e Museo Louvre di Parigi). E poi ci sono i Musei Contemporanei, quelli che sanno di moderno.

Cosa mangiare e gastronomia

Gli ateniesi amano mangiare fuori, tutti i giorni della settimana e fino a tarda sera.
La scelta è vasta sia per il pranzo che per la cena: ci sono le taverne tipiche, dove ancora è possibile gustare i piatti tradizionali della gastronomia greca, i ristoranti gourmet e alla moda con chef di grido. Oppure uno snack veloce mentre si passeggia come la “gyropita”, o pita (pane arabo grigliato), farcita con pomodori, patatine fritte, kebab di agnello o pollo, e salsa tzatziki.

Atene nel piatto

La gastronomia greca è ricca di ricette a base di verdure, carne e pesce.
Famosa è l’Insalata greca, oppure la Moussaka-a base di carne macinata e melanzane-, oppure ancora la “gemista” -con pomodori e peperoni ripieni di riso-.
Rinomato è il Souvlaki  -degli spiedini di carne, a scelta tra pollo, agnello e maiale, grigliati e accompagnati da verdure miste, o patatine fritte, o riso bianco. Poi c’è il Pastitsio -una pasta condita con sugo e carne, cotta al forno- , le torte salate con sfoglia di pasta fillo ripiene di formaggio “tiropita”, o spinaci “spinacopita”.
Consigliamo anche di scegliere sia per pranzo che per cena i “meze”: degli antipasti per provare più specialità insieme, accompagnati dal pane con il sesamo o la pita; la salsa Tzatziki a base di yogurt, centrioli ed aglio, la Melitzanosalata, una purea di melanzane; le Keftedes, delle polpettine fritte, le olive Kalamata, il Saganaki, un formaggio saltato in padella e spesso aromatizzato con sesamo e miele oppure limone. Quindi ci sono i Dolmades, degli involtini ripieni di riso e avvolti in foglia di vite.

Provenienze d’Oriente

Molto usate anche le spezie ed aromi come timo, menta, origano, cumino. L’ottimo miele e la frutta secca sono gli ingredienti base dei dolci greci, molto influenzati dalle tradizioni orientali
Tipo: Baklava, Kataifi, GalaktoburekoBougatsa, con ripieno di crema, Loukoumades, frittelle tonde ricoperte di miele.

Come arrivare ad Atene

In aereo

Ad Atene l’aeroporto internazionale “Eleftherios Venizelos” è collegato con i maggiori aeroporti italiani quasi tutto l’anno. Da Roma Fiumicino e Milano Malpensa e Linate, le frequenze maggiori, con diversi voli al giorno, sono operate da compagnie di linea come Aegean Airlines (compagnia di bandiera greca) ed Alitalia. Tra le low costEasy Jet e Ryanair (Milano Bergamo Orio al Serio).
Sia il centro di Atene (35 km dall’aeroporto) che il porto di Pireo (50 km) si possono raggiungere in diversi modi, costi e tempi di percorrenza: taximetroautobus.

In nave

Collegamenti marittimi dall’Italia, maggiormente dai porti di Ancona e Bari con le compagnie Anek Lines e Minoan Lines, permettono di raggiungere Atene per chi desidera arrivare in Grecia via Mare.
Patrasso, il porto principale, sarà il punto di sbarco più vicino per raggiungere Atene percorrendo l’autostrada in circa due ore e trenta minuti (211 km per il centro della città). Possibilità di spostarsi dal porto anche utilizzando autobus di linea.

Come spostarsi ad Atene

Il mezzo di trasporto più veloce ed utilizzato sia dai turisti che da milioni di ateniesi rimane la metropolitana. In occasione delle Olimpiadi che si sono svolte nel 2004, sono stati fatti importanti lavori di ampliamento e ristrutturazione.

Servizio efficientetreni puntuali e, non meno importante, lo stile di molte stazioni richiama sia l’antichità classica come quella di Akropolis e Synthagma. La stazione di Synthagma è quella principale e di scambio tra le linee, ed è praticamente un museo. Qui infatti si possono ammirare le fondamenta della città e, in diverse teche di vetro, i reperti archeologici ritrovati durante i lavori di scavo.

Molto utilizzati ed economici rispetto all’Italia, i taxi. Sono circa 15.000 in tutta la capitale e sono sempre presenti, specialmente nel centro della città. Sono molto utilizzanti anche dagli ateniesi stessi e di frequente capita che il tassista, si fermi lungo il tragitto a prendere altri passeggeri per poi ripartire il costo della corsa.

 

Dove dormire ad Atene

Molti hotel, a partire dai semplici ma dignitosi 3 stelle ai più esclusivi di 5*, sono situati nel centro di Atene, tra i quartieri della Plaka. Da questo punto è possibile raggiungere a piedi l’Acropoli, Piazza del Parlamento “Synthagma” e Piazza Omonia.

Negli ultimi anni, soprattutto nel quartiere di Omonia, molti sono gli hotel completamente ristrutturati. Questa sistemazione, in molti casi, ha prezzi più vantaggiosi e questo ha fatto crescere la domanda. Grazie anche all’ottimo sistema di trasporto in metropolitana, si possono scegliere hotel non prettamente centrali ma ben collegati con la zona di Metaxurgio (Piazza Karaiskaki) oppure Evangelismos.

Catene internazionali e greche: Hilton, Marriot, Radisson, Intercontinental, Melia, Grecotel, Divani, Amalia, Electra, solo per indicarne alcune. Ampia offerta anche aparthotel moderni e funzionali, molti con angolo cottura e dotati di tutti i comfort.


Totale: 53 tours found.    Showing 1 - 24 vedi tutti